Speciale Elezioni - AISAM - Associazione Italiana Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia

Cerca
AISAM - Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Speciale Elezioni

N.B. Il link per registrarsi sarà attivo dall'apertura dei lavori dell'Assemblea, prevista per le ore 15:00 del 10 febbraio 2021.
L'Aquila 10 febbraio 2021
Elezione del Presidente e dei Consiglieri dell'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia
Candidature per la carica di Presidente
Dino Zardi
Trento, 7 febbraio 2021.
Care Socie, cari Soci,
venerdì 5 febbraio u. s. ho formalizzato la mia candidatura per la presidenza.
Come anticipato nei vari incontri degli ultimi mesi, ho atteso a manifestare la mia disponibilità, perché non volevo scoraggiare altre possibili candidature. È mia convinzione, infatti, che fra le Socie e i Soci vi siano molte persone che sarebbero in grado di svolgere molto bene questo ruolo, e portare molti utili elementi di novità nella gestione dell’Associazione. Da parte di molti però mi è stato fatto anche osservare che una continuità nella gestione sarebbe opportuna in questa fase di crescita, molto positiva, che AISAM sta vivendo, pur in questo momento non facile. Tenuto anche conto che, sulla base delle candidature sinora pervenute, si prospetta un significativo ricambio per il Consiglio Direttivo.
E allora: presente!
Non intendo sottrarmi a quello che considero anzitutto un onore, prima ancora che un onere. L’onore di rappresentare un’Associazione di cui fanno parte persone estremamente qualificate e motivate, che in questi ultimi anni hanno saputo realizzare insieme progetti e iniziative di grande valore.
Rileggendo la mia lettera di candidatura del 2018, constato con piacere che molte cose sono state realizzate.
Il primo Congresso Nazionale allora era solo un’idea, oggi siamo già alla terza edizione, che si preannuncia ancora più ricca di potenzialità, grazie al formato online: la splendida collaborazione con CETEMPS/Università dell’Aquila ha trasformato un problema in una grande opportunità.
La rivista internazionale AISAM/Springer Bulletin of Atmospheric Science and Technology, allora in gestazione, ha chiuso il 2020 con 24 articoli e un numero speciale sull’Alluvione del Piemonte, e continua a ricevere nuovi articoli.
Il Festivalmeteorologia, in cui AISAM ha svolto un ruolo sempre più importante, si è tenuto con successo ogni anno, anche nel 2020, nonostante le note restrizioni, e la 7.a edizione è già in progettazione per il prossimo novembre.
La Newsletter si è affermata come formidabile strumento di comunicazione dentro e fuori l’Associazione.
Tutti successi da consolidare, insieme a molte cose ancora da fare, che provo a elencare brevemente.
In primo luogo, ampliare la base sociale: in particolare, rimane un obiettivo prioritario incoraggiare e favorire una più ampia partecipazione di nuovi Soci dai servizi meteorologici e dalle agenzie per l’ambiente. Contestualmente, continuare l’azione di stimolo e incoraggiamento alla partecipazione e allo spirito di iniziativa dei Soci, al fine di favorire una sempre più ampia e proattiva partecipazione alle attività dell’Associazione, organizzata in maniera razionale ed efficiente, come lo è stato per le molte iniziative di successo fin qui realizzate.
Un altro settore su cui puntare sono le giovani e i giovani, soprattutto coloro che frequentano, o si accingono a frequentare, corsi di studio in meteorologia, e si affacciano al mondo del lavoro in questo settore.
Occorre consolidare le connessioni di AISAM nel panorama nazionale e internazionale, attraverso il dialogo e la collaborazione con altre associazioni, nazionali e internazionali (in particolare l’American Meteorological Society e l’European Meteorological Society), ma anche con le istituzioni, e fra queste in particolare instaurando un proficuo rapporto di collaborazione con la costituenda Agenzia ItaliaMeteo.
Rimane infine un obiettivo per me molto importante valorizzare la storia della meteorologia italiana, attraverso iniziative che preservino e valorizzino anche il patrimonio materiale di questa storia (osservatòri storici, strumentazione, dati) e la memoria di chi ha meritoriamente operato per la nostra meteorologia italiana.
L’esperienza ci insegna che, per fare tutto questo, l’apporto volontario di molti Soci è essenziale, ma non basta. Con l’aumentare del volume di attività e di progetti, negli ultimi anni si è reso necessario ricorrere alla collaborazione di professionisti nel settore della gestione amministrativa, della comunicazione, della organizzazione di eventi. Queste proficue collaborazioni andranno consolidate, e, compatibilmente con le risorse disponibili, altre andranno attivate. In particolare, come già discusso in Assemblea, sarà opportuno affidare a revisori professionisti la revisione delle scritture contabili e dei bilanci. Inoltre, per un più efficace coordinamento delle ormai numerose iniziative, e per assicurare una continuità nella gestione dell’Associazione, ritengo importate valutare la possibilità di individuare una figura di Direttore Esecutivo/Direttrice Esecutiva con il compito di assicurare una regia complessiva e coerente delle molte e diverse attività deliberate dal Consiglio Direttivo, anche oltre l’avvicendamento dei Consiglio Direttivi e dei Presidenti.
Fra i passi legali che a mio avviso l’Associazione dovrà compiere quanto prima vi sono da un lato gli adempimenti conseguenti alla definitiva entrata in vigore delle prescrizioni del D. Lgs. 117/2017 (Codice del terzo settore), e dall’altro l’acquisizione della personalità giuridica. Questi passi daranno all’Associazione ulteriori opportunità (agevolazioni, possibilità di partecipare a bandi).
Infine, al termine di questo mio mandato. desidero rivolgere un particolare ringraziamento ai componenti del Consiglio Direttivo, al nostro ottimo e instancabile Segretario, ai Revisori dei Conti, ai Probiviri, al Webmaster, straordinariamente operativo, anche nelle condizioni più difficili, a tutte le Collaboratrici che si sono avvicendate nell’Amministrazione, alle componenti e ai componenti della Redazione della Newsletter, dei Comitati Scientifici e Organizzatori dei Congressi e degli altri Eventi, a tutte le Socie e i Soci che nei più diversi modi si sono impegnati per AlSAM, e naturalmente a coloro che mi hanno onorato della loro fiducia nelle precedenti elezioni.
Confidando di incontrarvi tutti in Assemblea, porgo a tutti un cordiale saluto.
Candidature per la carica di Consigliere
Elisa Palazzi
   
Cari colleghi, amici e soci,
con queste poche righe desidero proporre la mia candidatura come componente del consiglio direttivo AISAM. Ho osservato AISAM da lontano prima di diventare socia pochi anni fa: ciò che ho sempre apprezzato dell’associazione è lo spirito e la determinazione delle persone che l’hanno fatta negli anni. AISAM sono persone che hanno voluto migliorare, arricchire, consolidare ciò che ruota intorno alle scienze dell’atmosfera e della meteorologia, attraverso iniziative, collaborazioni, confronto, disseminazione. L’attenzione particolare rivolta agli studenti, soprattutto a quelli in procinto di scegliere il percorso universitario, offrendo loro uno sguardo sul mondo e sulle possibilità, è una caratteristica di AISAM che mi ha sempre molto colpita, positivamente.
Quando sono diventata socia, ho potuto verificare con mano che l’impressione che avevo avuto fin dall’inizio era giusta: si tratta di una associazione seria e inclusiva, fatta di tante anime diverse e questo ne costituisce la maggiore ricchezza a mio parere. Da climatologa, in particolare, ho molto apprezzato la spinta verso l’inclusione di temi legati non solo strettamente alle scale della meteorologia e quindi mi sono sentita a mio agio. Mi piacerebbe poter arricchire l’anima “clima” all’interno dell’associazione, portando idee, contatti, e magari altri soci che si occupano di quelle tematiche. Da molti anni, affianco al mio lavoro di ricercatrice quello di divulgatrice, o almeno ci provo. Ritengo essenziale mettere impegno anche in questo e resto convinta che la scienza vada raccontata; mi piacerebbe poter portare anche questa componente e questa mia esperienza, ormai abbastanza consolidata, nell’associazione, in maniera più propositiva e concreta di quanto abbia fatto in passato. Per questo auspico anche una maggior collaborazione con altre associazioni di comunicazione della scienza di cui già faccio parte e che mi piacerebbe far parlare con AISAM, anche nell’ambito di specifici progetti.
Infine, devo ringraziare AISAM perché mi ha permesso di conoscere meglio colleghi e colleghe con cui avevo solo rapporti strettamente professionali, e vedere aspetti di loro che altrimenti non avrei conosciuto. E questa è sicuramente un’esperienza interessante e arricchente.  
Silvio Davolio
Cari Soci, Care Socie
In questi tre anni ho cercato di partecipare attivamente alla vita dell’Associazione come membro del Consiglio Direttivo, nei comitati editoriali della newsletter e della rivista scientifica Bulletin of Science and Technology ed infine coordinando il comitato scientifico del Terzo Congresso Nazionale. Facendo un bilancio, posso dire che questa esperienza mi ha arricchito tantissimo e mi sta arricchendo dal punto di vista professionale e umano. Ho deciso quindi di riproporre la mia candidatura perché sento di avere ancora voglia di impegnarmi in prima persona nelle attività dell’Associazione che sempre di più sta diventando il punto di riferimento della comunità della meteorologia e delle scienze dell’atmosfera, in tutte le sue anime. Abbiamo fatto un importante e faticoso cammino per arrivare a questo punto, siamo chiamati a mantenere l’impegno e l’entusiasmo per continuarlo. Ci sono ormai appuntamenti consolidati in cui AISAM si propone allo società, la Giornata Meteorologica Mondiale, il Congresso Nazionale e il Festival della Meteorologia. Punti saldi da cui partire per allargare le proposte di AISAM, realizzando idee e progetti che sono rimasti nel cassetto. Tra queste, penso sia una priorità quella della divulgazione in particolare nell’ambito scolastico, anche coinvolgendo le associazioni serie di appassionati presenti sul territorio, con le quali trovare forme e modi di proficua collaborazione.
Resto altresì convinto che, comunque vadano le elezioni, avremo un Consiglio Direttivo composto da persone competenti che sapranno guidare l’Associazione con grande entusiasmo.
Spero di incontrarvi numerosi all’assemblea.


Paolo Di Girolamo
Cari amici e colleghi,
Come vi avevo anticipato durante la nostra riunione informale di dicembre, ho intenzione di candidarmi a coprire una delle quattro posizioni vacanti nel Consiglio Direttivo della nostra associazione. Credo molto in AISAM, associazione alla quale mi sono avvicinato solo qualche anno fa. Sono convinto che AISAM rappresenti, e rappresenterà sempre di più in futuro, un punto di focalizzazione per le attività e le iniziative nel campo delle scienze dell'atmosfera e della meteorologia. AISAM ha avuto il merito di far incontrare, interagire e collaborare tra di loro esperti del mondo delle professioni, della meteorologia operativa e della ricerca, operanti in contesti differenti, ma con una passione comune nello studio e nella comprensione dell'atmosfera e della meteorologia. Sono convinto che, anche in vista delle imminenti sfide legate ad ItaliaMeteo ed al Data Center di ECMWF, il futuro delle scienze dell'atmosfera e della meteorologia italiana non possa prescindere dal ruolo aggregante e catalizzatore di AISAM.
Devo personalmente molto a questa associazione che mi ha chiamato a svolgere, con il preziosissimo supporto della Prof.ssa Di Sabatino, le attività di Editor-in-Chief della rivista Bulletin of Science and Technology, la prima - solo in ordine cronologico - tra le riviste internazionali che AISAM intende avviare.
Sono consapevole e convinto che il futuro della nostra associazione non possa prescindere dal coordinamento e dalla valorizzazione di tutte le diverse anime al suo interno. Con un background nella ricerca scientifica nell’ambito della meteorologia e climatologia sperimentale, ma con un occhio particolarmente attento ed un forte interesse al mondo della meteorologia operativa e professionale, spero di avere l’opportunità di poter portare all’interno di questo consesso l’esperienza da me maturata in questi ultimi trenta anni di vita professionale.
Un caro saluto,
Paolo Di Girolamo  
Gaetano Genovese
Carissimi soci AISAM, con la presente desidero avanzare la mia candidatura come membro del consiglio direttivo della nostra associazione. L’esperienza maturata nel promuovere la realizzazione della nostra sezione studenti, le attività intraprese con essa e la piena condivisione delle finalità dell’associazione, rientrano tra i motivi principali che mi hanno spinto ad avanzare la candidatura. Sono fermamente convinto che la presenza all'interno del consiglio direttivo di una persona che si affaccia al mondo del lavoro, possa dare un forte incentivo alle dinamiche associative.
In particolare, mi preme sottolineare la volontà di voler continuare ad appoggiare e promuovere le numerose iniziative già in essere, come gli eventi organizzati negli ultimi anni e rimarcare la posizione centrale di AISAM nel riconoscimento delle professioni di Meteorologo e Tecnico Meteorologico. Vorrei inoltre impegnarmi nel migliorare ulteriormente le politiche dell’associazione, favorendo sinergie, alleanze e collaborazioni tra il nostro sodalizio ed altre grandi realtà associative presenti sul territorio nazionale; promuovere e valorizzare la meteorologia nelle scuole primarie e secondarie, attraverso progetti coordinati dalla sezione studenti; favorire ulteriori collaborazioni inter-ateneo nell’ambito della ricerca e della didattica. Nei miei propositi, c’è la voglia di promuovere un programma finalizzato ad accelerare lo sviluppo di impresa nell’ambito della meteorologia aperta: grazie alla capillarità di internet e dei social network, è sempre più agevole la condivisione del dato meteo. A tal proposito, usufruendo dell’agenzia “Copernicus”, nata sotto l’egida dell’Unione Europea, tale programma mira ad accompagnare i soci nella rifinitura delle proprie idee attraverso corsi formativi, supporto nella stesura del business plan, fino alla fase di start-up ed al completo avviamento dell’attività. D’altra parte, il libero accesso a informazioni di qualità è un elemento essenziale per chi svolge la professione di meteorologo, soprattutto al di fuori delle istituzioni pubbliche, sia in veste di libero professionista sia come impresa. Stiamo attraversando un momento cruciale per la meteorologia nel nostro Paese, facciamoci trovare pronti. Il  futuro della meteorologia è nelle nostre mani.

Sergio Pisani
Carissimi tutti,
come anticipato nell’Assemblea Informale di dicembre, ho intenzione di candidarmi ad uno dei 4 posti da Consigliere della nostra Associazione.
Sin da quando ho sentito parlare di AISAM, nel settembre 2016, e delle intenzioni che si proponeva, ho provato un’istintiva attrazione verso questa bella iniziativa associazionistica.
A quell’epoca conoscevo solo alcuni Soci ma mi è bastato poco per capire che si trattava di Persone con le quali avrei potuto condividere idee ed azioni.
Al Festival Meteorologia 2016 ci siamo incontrati e sono nate per me diverse amicizie.
Come Segretario, poi, ho avuto l’onore di accogliere molti nuovi Soci e di ampliare così il parco delle mie conoscenze ed amicizie in ambito meteorologico.
Ed è appunto sulla scorta dell’esperienza maturata nel ruolo di Segretario che ho potuto approfondire e verificare quanto di buono ci sia in AISAM e nei Soci che la animano.

In questi anni sono state fatte molte cose, molte altre sono sicuro ne faremo.
Il ripristino della Giornata Mondiale della Meteorologia, che abbiamo ripreso a celebrare nel 2017 dopo diversi anni, le Assemblee, i Congressi, le Conferenze ed i Convegni, che abbiamo organizzato o ai quali abbiamo preso parte, come Associazione o come Soci singoli, le collaborazioni con altre Associazioni, scuole, Università, Istituzioni.
La nascita delle 3 sezioni di AISAM (Associazioni, Professionisti e Studenti) e l’idea di aprirne altre (Formatori per esempio), e di creare sezioni territoriali per confrontarsi con le realtà “locali”.
Siamo un gruppo pieno voglia di fare ed in questo gruppo c’è bisogno di maggiore coinvolgimento.
È bene che ciascuno abbia la possibilità di esprimersi e di sentirsi parte attiva nell’Associazione.

È proprio in questa prospettiva che avanzo la mia candidatura.
Mi piacerebbe, infatti, poter prendere parte (dopo averla seguita come Segretario) alla fase decisionale dell’Associazione, per provare a portare il mio contributo diretto nell’indirizzo della nostra realtà associativa.
Molti di voi sanno quanto io sia impegnato per il riconoscimento della dignità delle professioni del comparto Meteo, e quanto ritenga importante che queste siano del tutto conformi alle raccomandazioni del documento 1083 del WMO. Questo è senz'altro uno dei maggiori temi in cui mi voglio impegnare.
Vorrei, però, poter contribuire anche alla diffusione di una corretta comunicazione, fatta di notizie verificate ed offerte da persone preparate e, soprattutto, corrette.
Vorrei vedere AISAM più presente sui Social e su altri organi di divulgazione, come per esempio il nostro rinnovato sito web. Vedo con piacere l’ingresso di soci giovani e preparati in AISAM, perché credo che possano contribuire sostanzialmente alla diffusione della cultura meteorologica, soprattutto tramite questi canali, a loro perfettamente congeniali.

Sono convinto infine che l’ormai prossimo avvio dell’Agenzia ITALIA METEO costituirà una preziosa occasione di crescita per la meteorologia in Italia, e auspico che AISAM si faccia trovare pronta, come interlocutrice ed anche come soggetto propositivo.

Voglio essere partecipe del futuro di AISAM, e perciò confermo la mia candidatura a Consigliere per il prossimo mandato.
E forse, così, smetterò di ammorbarvi con le mie email notturne!
Un grande abbraccio

Roma, 27 gennaio 2021


 
Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia.
Copyright 2016-2018. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu