Regolamento provvisorio per il funzionamento dell'Assemblea dei Soci - AISAM - Associazione Italiana Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia

Cerca
AISAM - Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia
Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamento provvisorio per il funzionamento dell'Assemblea dei Soci

Regolamenti
ASSOCIAZIONE ITALIANA DI SCIENZE DELL'ATMOSFERA E METEOROLOGIA

 
Regolamento provvisorio
 
per il funzionamento dell’Assemblea dei Soci.

 
 
 
Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 24 novembre 2017 ai sensi dell’art 20 comma 4 dello Statuto
 
per disciplinare il funzionamento dell’Assemblea dei Soci
 
fino all’approvazione di specifiche norme nel Regolamento Generale
 
come previsto dall’art. 7 comma 3 dello Statuto.

 
 
 
Art. 1
 
(Convocazione)
 
  1. L’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è convocata dal Consiglio Direttivo nella persona del Presidente, anche in luogo diverso dalla sede sociale, per mezzo di comunicazione inviata ai Soci, con indicazione della data della riunione, dell'orario, e del luogo di svolgimento dell’ordine del giorno, almeno 15 giorni prima della data fissata per l’adunanza.
  2. L’Assemblea può essere convocata anche in seconda convocazione, ad almeno un’ora di distanza dalla prima convocazione.

 
 
 
Art. 2
 
(Validità)
 
  1. L’Assemblea è validamente costituita in prima convocazione se è presente la maggioranza degli aventi diritto al voto, in seconda convocazione qualunque ne sia il numero.
  2. Per la validità dell’Assemblea straordinaria valgono gli stessi criteri adottati per quella ordinaria. Per lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio è invece richiesto il voto favorevole di almeno tre quarti dei soci anche in seconda convocazione.

 
 
 
Art. 3
 
(Ordine dei lavori)
 
  1. All’apertura della seduta, l’Assemblea elegge tra i partecipanti un Presidente e un Segretario dell’Assemblea, che dovranno sottoscrivere il verbale finale.
  2. All’inizio della seduta il Presidente dell’Assemblea, o almeno cinque componenti presenti, possono proporre che argomenti non compresi nell'ordine del giorno siano inseriti in discussione, o che sia modificato l’ordine di trattazione degli argomenti. L’adozione della proposta viene deliberata dall’Assemblea.
  3. La questione pregiudiziale, cioè che un dato argomento non debba discutersi in Assemblea, e la questione sospensiva, cioè che un dato argomento non debba discutersi in quella seduta e vada rinviato a una successiva seduta, possono venir proposte da un componente prima dell’approvazione dell’ordine del giorno.
  4. I partecipanti nel corso della discussione possono presentare per iscritto e illustrare a voce emendamenti alle proposte di delibera, fatto salvo che sullo specifico punto all’ordine del giorno non sia stato diversamente disposto o che tali emendamenti siano in contrasto con deliberazioni già espresse nella stessa seduta.

 
 
 
 
 
Art. 4
 
(Deliberazioni)
 
  1. Le delibere dell’Assemblea vengono assunte a maggioranza semplice dei partecipanti aventi diritto di voto, salvo i casi in cui siano richieste maggioranze qualificate. In caso di parità prevale il voto del Presidente dell’Associazione.
  2. Le votazioni avvengono per alzata di mano o, su richiesta del Presidente o di almeno cinque partecipanti aventi diritto al voto, per appello nominale. Si vota a scrutinio segreto se ciò viene richiesto anche da un solo partecipante.
  3. Hanno diritto di intervenire all'Assemblea tutti i soci in regola con il pagamento della quota associativa per l’anno in corso.
  4. I soci collettivi aventi diritto al voto partecipano all’Assemblea tramite il loro rappresentante legale, o tramite altra persona da questi delegata.
  5. Ciascun socio ha diritto ad un voto. Ciascun socio può delegare per iscritto altro socio a rappresentarlo nell’Assemblea. Ciascun socio non può essere portatore di più di 4 deleghe.
 
 
 
 

 
 
Art. 5
 
(Verbalizzazione)
 
  1. Il Segretario cura la redazione del verbale della seduta e lo sottoscrive insieme al Presidente dopo l’approvazione.
  2. Nel verbale il Segretario riporta il numero degli aventi diritto al voto, i nominativi dei membri degli Organi della Associazione presenti, una sintesi, per ciascun punto all’ordine del giorno, degli interventi, le delibere motivate e i risultati delle votazioni.
  3. Ogni Socio può chiedere che il verbale faccia specifica menzione della motivazione del proprio voto o astensione o che riporti integralmente il proprio intervento: in tal caso ne dovrà fornire il testo scritto al Segretario entro la conclusione della seduta.
  4. Il verbale è presentato per l'approvazione entro la seduta successiva. Singole delibere o parti del verbale possono essere approvate nel corso della stessa seduta di adozione. Il verbale una volta approvato viene reso disponibile ai Soci nell’area riservata del sito web dell’Associazione.
  5. Le eventuali proposte di correzione del verbale devono essere presentate al Segretario prima o al più durante la seduta in cui ne è prevista l’approvazione.
 
 
 
 
Clicca sul pulsante qui sotto se desideri ottenere una copia del Regolamento in formato PDF, da stampare e consultare comodamente.
 
Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia.
Copyright 2016-2017. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu